• Nella sezione "Iniziative" sono archiviate tutte le istanze e le iniziative

    portate in Consiglio Comunale dal gruppo Consiliare

    "LiberaMente Silanus"

  • Nella sezione "BLOG" sono ospitati articoli pubblicati a titolo personale, pertanto non necessariamente rispecchiano la linea politica del gruppo

    "LiberaMente Silanus"

Voto utile, utile a chi?

Finalmente anche questa (brutta) campagna elettorale si avvia al termine, quindi fra qualche giorno avremo un governo regionale nuovo di zecca, o quasi.
La legge elettorale regionale, calibrata in base al vecchio bipolarismo PD-Forza Italia, favorirà i due schieramenti più grandi lasciando le briciole agli altri, per giunta solo due dei sette candidati presidente entreranno in consiglio, tutti gli altri resteranno inesorabilmente fuori.
Come se non bastasse anche la riduzione da ottanta a sessanta seggi contribuirà a limitare la rappresentanza non solo dei territori, ma anche delle idee.
Sarà curioso osservare anche come funzionerà la doppia preferenza di genere.
C’è da scommettere che anche questa volta a causa della macchinosità dell’attribuzione dei seggi, ci saranno ricorsi e contro-ricorsi e prima di avere la proclamazione definitiva degli eletti potranno passare diverse settimane.
Tornando sul nostro territorio, due argomenti particolarmente importanti sembra non interessino un granché i nostri candidati, molto più impegnati a guadagnarsi l’agognato seggio con sorrisi e impegni di ogni genere che non a spiegare cosa intendano fare sul fronte dell’acqua pubblica e della gestione dei rifiuti. Continua a leggere

Al voto, tra retorica e demagogia.

Non è la prima volta e non sarà nemmeno l'ultima che, in prossimità delle elezioni, diverse categorie minacciano di non andare a votare. Fermo restando che astenersi dal voto è assolutamente normale e io stesso in diverse occasioni ho rinunciato al voto, quello che non capisco è il gesto plateale usato come arma di ricatto.
Non entro nel merito di nessuna di queste rivendicazioni, ma penso che utilizzare in questo modo le schede elettorali sia una maniera abbastanza qualunquistica e primordiale di intendere la democrazia.
Adoperare il voto in funzione del proprio tornaconto si è rivelato spesso un errore, in primo luogo perché si diventa facile strumento di chi in maniera spregiudicata cavalca la protesta, in secondo luogo perché nel breve lasso di tempo della campagna elettorale si potrebbero ottenere – in cambio del voto – solo vaghe promesse, destinate a dissolversi subito dopo le elezioni.

Emblematico il "Caso Sulcis" di qualche anno fa, dove a seguito delle promesse elettorali di Berlusconi, quasi tutti i comuni di quella provincia votarono per il centro-destra e poi sappiamo come andò a finire.

Continua a leggere