Consiglio Comunale del 27-09-2017

Il 27 settembre 2017 presso l’aula consiliare “G.Fiori” si è svolto il Consiglio Comunale.

Prima di aprire la seduta viene votata a maggioranza la proposta presentata dal Capo Gruppo di maggioranza, Zolo, di voler inserire come ordine del giorno un documento di solidarietà nei confronti del popolo catalano.

Per una semplificazione di lettura verrano elencate prima le cose per cui abbiamo votato a favore con una piccola descrizione, dove non c’è stato il bisogno di una discussione, poi gli altri punti all’ordine del giorno.  

Ci siamo trovati d’accordo per quanto riguarda:

  • Approvazione verbali seduta precedente;
  • Revisione straordinaria delle partecipazione societarie: un atto puramente tecnico dove il Comune di Silanus ha in minima parte delle quote societarie utili per erogare un servizio per l’intera comunità: come Abbanoa (0,052%) e GAL Marghine (Socio Pubblico).
  • Modifica regolamento attribuzione borse di studio: il numero di borse di studio per gli iscritti all’università aumenta di due unità rispetto al vecchio regolamento che ne prevedeva solamente 2. I criteri di assegnazione delle borse di studio di qualsiasi livello scolastico sono disciplinate mediante apposito regolamento fruibile presso il comune di Silanus.
  • Presa d’atto dimissioni capitano dei barracelli: il precedente capitano dei baracelli si Silanus, Raffaele Cocco, consegna le sue dimissioni con effetto immediato e viene assunto dall’Ufficiale più anziano in carica che risulta essere Michele Ignazio Serra.

 

Tramite una delibera del Consiglio Comunale N° 73 del 20-12-2013 è stato approvato il regolamento del consiglio comunale, un documento molto importante e abbastanza chiaro, il quale prevede una serie di articoli che regolamentano il giusto funzionamento del Consiglio Comunale. Tra tutti questi articoli vi è l’art 12, di seguito parte fondamentale

del testo:

  • Nel caso di seduta ordinaria debbono essere depositati tre giorni lavorativi precedenti la data del Consiglio;
  • Nel caso di seduta straordinaria debbono essere depositati due giorni lavorativi precedenti la data del Consiglio;
  • Nel caso di seduta straordinaria urgente debbono essere depositati almeno 24 ore prima della data fissata per il Consiglio Comunale.

Bene, capiamo l’intensa mole di lavoro che hanno gli uffici ed è proprio per questo che non vogliamo essere puntigliosi, ma almeno pretendiamo che gli atti del consiglio ci vengano consegnati nei tempi utili perché questi possano essere visionati e valutati approfonditamente soprattutto quando si tratta di votare su determinati argomenti. 

 

Variazione al bilancio di previsione finanziario 2017-2019: si tratta di fondi REIS per un totale di circa 38.000,00€.

Approvazione regolamento P.I.P 2:  il presente regolamento prettamente tecnico serve per consentire a chi ne fa richiesta mediante l’utilizzo di questo apposito strumento di stabilire una graduatoria che possa permettere ai futuri fruitori i requisiti per poter ottenere alcuni terreni siti nella zona P.I.P. 2

Purtroppo, viene consegnato alla nostra Capo Gruppo il martedì mattina, tempi nei quali non c’è consentito valutare appieno lo stesso regolamento così da poter apportare delle eventuali osservazioni. Il consigliere  Tola presenta le nostre motivazioni all’intero consiglio compresa la nostra volontà di astenerci da tale votazione. Ci viene così proposto di rinviare questa votazione in modo da consentirci ampiamente di portare le nostre considerazioni a riguardo e siamo più che favorevoli a questa soluzione.

Si parla tanto di collaborazione tra maggioranza e opposizione, di trovare sempre una via di mediazione tra le parti, noi come gruppo abbiamo dimostrato ancora una volta la nostra collaborazione garantendo il numero legale in consiglio.  Non spetta di certo a noi garantirlo, ma all’intera maggioranza partecipare attivamente a tutte le sedute del consiglio, eppure per senso di responsabilità l’abbiamo fatto.  

Come ultimo punto all’ordine del giorno si discute la proposta del consigliere Zolo avente ad oggetto: “Solidarietà al popolo catalano”.

Il consigliere Zolo si definisce un’indipendentista moderno, ovvero un’indipendentista sardo che non guarda solo alla Sardegna cos’ come l’indipendentista catalano non guarda solo alla Catalogna. Nel suo intervento sostiene che tutta la catalogna mediante una protesta pacifica vuole ottenere ciò che da tempo si è concretizzata nel corso degli anni, infatti circa 738 amministrazioni si sono dichiarate indipendentiste, inoltre continua dicendo che la il governo  spagnolo, da oltre di 10 giorni cerca di boicottare il referendum, attraverso politiche di repressione, sequestrando materiale referendario, perquisendo gli uffici, fino ad arrestare 14 esponenti. Una politica sbagliata, commenta. Non si può reprimere un diritto del cittadino con un atto di violenza. Il popolo catalano così come qualunque altro popolo arrivi a tal punto ha diritto ad autodeterminarsi. Esprime così un messaggio di solidarietà nei confronti del popolo catalano.

Dal nostro punto di vista siamo più che favorevoli con l’intervento e la proposta del consigliere Zolo, d’altronde già da prima che si presentasse la proposta in consiglio avevamo come gruppo LiberaMente Silanus espresso tramite la nostra pagina un messaggio di solidarietà verso la Catalogna e la situazione nella quale si trova tutta la popolazione.

Il sindaco Arca, pur dichiarandosi d’accordo col suo capo gruppo, ci tiene a sottolineare che il popolo catalano, con il referendum giudicato dalla corte costituzionale spagnola illegale, stava violando gli ordini costituenti stabiliti dalla carta spagnola.

È strano sentir dire queste frasi da un sindaco che si è sempre dichiarato indipendentista, sarà anche questa una sfumatura dell’indipendentista moderno?

Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Commenti chiusi